Nematodi cisticoli della patata

Globodera rostochiensis e Globodera pallida

Quarantäneorganismen Zystennematoden Kartoffelzystennematoden Kartoffel
Nematodi cisticoli della patata

Nel 2023, sono stati monitorati 102 posti utilizzando campioni di suolo di routine come parte della sorveglianza del territorio. La sorveglianza è stata effettuata in 16 Cantoni e nel Principato del Liechtenstein. Tutti i risultati della sorveglianza del territorio sono stati diagnosticati come negativi.

I nematodi cisticoli della patata (NCP, in generale nematodi o anguillule) Globodera rostochiensis e Globodera pallida sono originari del Sud America e colpiscono le solenacee, delle quali la patata è la principale pianta utile. Introducendosi e nutrendosi nei tessuti vascolari, questi nematodi indeboliscono le piante. In seguito al ciclo di riproduzione, è tipico che sulle radici si formino delle cisti. I nematodi sono giunti in Europe a metà del XIX secolo. In Svizzera, la prima comparsa risale al 1958. Da allora l’infestazione è stata ridotta drasticamente grazie a controlli mirati su campioni di terreno prelevati da tutti i campi di patate per la produzione di tuberi-seme e dal 2010 anche dallo 0,5 per cento delle restanti superfici coltivate a patate. Nel 2021, G. pallida è stata rilevata durante la sorveglianza del territorio nel Principato del Liechtenstein e nel 2022 nel Cantone di Soletta. La G. pallida è stata rilevata anche nel 2022 nell'ambito della certificazione dei tuberi-seme nel Cantone di Berna. Le relative misure di eradicazione sono in corso di attuazione. In Svizzera, i nematodi cisticoli della patata sono monitorati da un lato nel quadro della certificazione delle patate da semina da parte delle organizzazioni di trasformazione, dall'altro sulle superfici coltivate a patate tramite il prelievo regolare di campioni di terreno da parte dei servizi cantonali competenti, generalmente i servizi fitosanitari cantonali, nell'ambito della sorveglianza del territorio. Nel quadro del controllo basato sul rischio all'atto dell'importazione di piante o di prodotti vegetali, i nematodi cisticoli della patata vengono monitorati dal Servizio fitosanitario federale.

In Svizzera, Globodera rostochiensis e Globodera pallida sono regolamentati come organismi da quarantena e quindi sottostanno all'obbligo di notifica e di lotta. In casi sospetti la notifica è da inoltrare al servizio cantonale competente. Le aziende omologate per il rilascio di passaporti fitosanitari notificano il sospetto al Servizio fitosanitario federale (SFF).

Per prevenire l'infestazione, gli agricoltori dovrebbero utilizzare patate da seme certificate e mantenere lunghi periodi di rotazione delle colture, da 4 a 5 anni. In Svizzera, non sono autorizzati nematicidi per il controllo dei nematodi cisticoli della patata. Per combatterli e prevenirne la diffusione, ogni anno vengono effettuati controlli ufficiali, nell'ambito del processo di certificazione, sui campi destinati alla produzione di patate da semina. Inoltre, viene analizzato lo 0,5% della superficie coltivata a patate rimanente. I circa 3500-4000 campioni all'anno vengono analizzati dal reparto di nematologia di Agroscope.

Se tuttavia si verifica un'infestazione, vengono imposte severe misure igieniche. Le patate da tavola contaminate possono ancora essere lavorate, ma il terreno che vi aderisce deve essere trattato in modo speciale. In nessun caso si possono trapiantare patate da semina contaminate. In campo aperto, dopo un periodo minimo di sei anni dal rilevamento dei nematodi cisticoli della patata, un'area coltivata per le patate da semina può essere rilasciata nuovamente dal servizio cantonale competente. Tuttavia, ciò avviene solo se i campionamenti ripetuti (1500 ml di terreno/ha) non hanno rilevato alcun nematode cisticolo della patata. Le larve possono sopravvivere nelle cisti fino a 20 anni.

Ultima modifica 10.01.2024

Inizio pagina