Fonti e pozzi di CO2 in suolo agricolo

41.01-Treibhausgase-Moorboden

Fonti e pozzi di CO2 in suolo agricolo

Werden Böden landwirtschaftlich genutzt, führt dies in vielen Fällen zu einer Freisetzung von CO2 (d.h. Böden sind CO2 Quellen) und zu einer Verringerung des Kohlenstoffgehaltes im Boden. Andererseits können Böden auch neuen Kohlenstoff aufnehmen (d.h. Böden sind CO2 Senken).

Contatto

bodenkohlenstoff

Agricoltura e carbonio nel suolo

I suoli immagazzinano grandi quantità di carbonio. Le attività agricole influenzano i tenori in carbonio dei suoli e, di conseguenza, il loro ruolo di sorgente o di serbatoio per la CO2.

torfhaltiges Bodenprofil

Suoli organici

I terreni organici sono importanti serbatoi di carbonio. Nelle torbiere, queste riserve si sono formate grazie alla decomposizione incompleta (anaerobica) dei tessuti vegetali, avvenuta in suoli saturi d’acqua. Il drenaggio o la degradazione dei suoli organici ne fa una fonte di CO2 importante e duratura.

pflanzenkohle

Carbone vegetale biochar

Il carbone vegetale biochar si produce riscaldando rifiuti organici a 400 - 700 °C, in assenza d’ossigeno. Da questo processo di pirolisi si ottiene un solido nero, aromatico e molto ricco di carbonio, che può agire da spugna per i nutrienti e fungere da habitat per i microrganismi. Grazie alla sua elevata stabilità nel suolo, il biochar è considerato un potenziale serbatoio di CO2.

Agroscope_CaroleParodi_Landschaft Herbst_paysage automne (VD)-4663

Inventario del carbonio nel suolo in Svizzera

La Svizzera riporta le quantità annue di CO2 emesse e bloccate dai suoli arati e dalle superfici prative, nel suo inventario nazionale dei gas a effetto serra, sotto la categoria «Utilizzazione dei suoli, cambiamento dell’utilizzazione dei suoli e selvicoltura».

grasland

Carbonio del suolo delle superfici prative alpine

I futuri cambiamenti del clima influenzeranno la produttività e le riserve di carbonio dei suoli che ospitano superfici prative ricche di specie, situate ad alte quote.