Innovare per ridurre l’impiego di pesticidi

LT-Pflanzenschutz-ver_long_blog-blanc

Innovare per ridurre l’impiego di pesticidi

alain_gaume

Alain Gaume -  Responsabile Settore di ricerca strategico Protezione dei vegetali

Patate, verdure da pieno campo o mais: in agricoltura la primavera è la stagione della semina e della piantumazione. Scegliendo le colture e le varietà che si adattano meglio alle condizioni pedoclimatiche e alla domanda del mercato, gli agricoltori assumono una grande responsabilità. Queste decisioni e la scelta delle tecniche di coltivazione determinano inoltre il metodo per proteggere le colture da parassiti, malattie e malerbe. La strategia di protezione delle piante influisce su resa, profitti e impatto ambientale. 

 
 

In questo contesto, l’agricoltura e la ricerca devono affrontare sfide importanti:

  • nuovi organismi nocivi, in particolare a causa dei cambiamenti climatici;
  • calo del numero di prodotti fitosanitari autorizzati, spesso senza soluzioni alternative;
  • domanda sempre più insistente, da parte della popolazione svizzera, di alimenti e acqua potabile privi di residui di pesticidi e un ambiente incontaminato. Sono attualmente in discussione due iniziative popolari che puntano a limitare - o addirittura a vietare - l’impiego di pesticidi.

L’anno scorso il Consiglio federale ha risposto a questa esigenza adottando il piano d’azione per la riduzione dei rischi e l’impiego sostenibile dei prodotti fitosanitari. In questo frangente, Agroscope e tutti i suoi partner di ricerca nazionali e internazionali devono continuare a innovare sviluppando soluzioni nuove, sostenibili ed efficaci al fine di prevenire e controllare gli organismi nocivi. La questione è urgente, non si tratta più di una semplice raccomandazione.

Concretamente, oltre 40 progetti di Agroscope sono dedicati alla protezione sostenibile delle colture e contribuiscono allo sviluppo della produzione integrata. Per saperne di più cliccare sui piani della piramide della produzione integrata.

 

Evoluzione della produzione integrata

Cliccare sui vari piani per scoprire i nostri progetti

 
PSM-2019_IT_830x270pxMisure di prevenzioneSupporto decisionaleLotta non chimicaLotta chimica

Nella produzione integrata, la priorità va alla prevenzione, che comprende in particolare la selezione di varietà resistenti e lo sviluppo di tecniche colturali atte a promuovere la salute delle piante. In parallelo, risulta inoltre indispensabile monitorare la presenza di organismi nocivi, prevederne l’evoluzione e valutare l’opportunità di un intervento. Infine, se proprio occorre intervenire, si devono prediligere i metodi che presentano il rischio minore per l’ambiente. L’agricoltore può ricorrere ai prodotti fitosanitari chimici di sintesi solo quando tutte le altre misure sono fallite e le rese o la qualità dei raccolti risultano compromesse.

Vuoi lasciare un commento?

Contributo precedente

eva-reinhard-small-100

Agroscope punta sulle alternative ai pesticidi - 26.02.2019

È impossibile rinunciare alla protezione dei vegetali, perché garantisce la quantità e la qualità delle rese in cerealicoltura, frutticoltura e orticoltura così come in tutte le altre colture agricole. Agroscope intensifica l’informazione su questo tema di scottante attualità. Eva Reinhard, responsabile di Agroscope, spiega cosa offre la ricerca oggi e cos’altro ha ancora offrire.