Zona protetta per il Fuoco batterico

Vista la sua diffusione in Svizzera, il fuoco batterico non adempie più i criteri per la regolamentazione quale organismo da quarantena (ad eccezione della zona protetta nel Canton Vallese).

Nella zona protetta dal fuoco batterico del Vallese, il fuoco batterico rimane un parassita da quarantena. E' ancora soggetto a segnalazioni e alla lotta contro il fuoco batterico.

I vegetali, le parti di vegetali freschi (escl. sementi e frutta) e il polline vivo per l’impollinazione di Amelanchier (pero corvino), Chaenomeles (cotogno del Giappone), Crataegus (biancospino), Cydonia (cotogno), Eriobotrya (nespolo del Giappone), Malus (melo), Mespilus (nespolo), Pyracantha (agazzino), Pyrus (pero) e Sorbus (sorbo) possono essere trasportati e ceduti in Vallese soltanto con un passaporto fitosanitario per le zone protette; ciò vale anche per i privati.

Ulteriori informazioni sul passaporto delle piante per zona protetta