Cambiamento climatico: organismi nocivi per le colture e le foreste

Possibili spostamenti futuri delle zone favorevoli allo sviluppo di determinate piante ospiti e parassiti.

I cambiamenti globali comportano sia rischi che opportunità per l’agricoltura e la selvicoltura. I risultati dei modelli di previsione possono confluire nelle future strategie di gestione. Agroscope studia così le possibilità di utilizzo del suolo nel contesto dei cambiamenti climatici in Europa nonché i rischi correlati all’introduzione e all’insediamento di organismi nocivi esotici. Dai risultati emerge che le interazioni tra gli organismi nocivi e le piante ospiti sono in aumento e che gli usi delle superfici si sovrappongono sempre più frequentemente. La sfida consisterà nello sfruttare efficacemente le nuove opportunità al fine di creare un’agricoltura e una selvicoltura locale diversificata, lottando al contempo contro gli organismi nocivi e riducendo l’uso di prodotti fitosanitari.

Ultima modifica 14.07.2020

Inizio pagina